Torino, libri in condivisione col GiraLibro di San Salvario

GiraLibro_ecoavoiIl libro, dove meno te lo aspetti. Tra coni gelato, bicchieri di vino e vasetti di marmellata. Il libro che fa capolino nella quotidianità all’interno di botteghe e ristorantini, sorprendendoti durante spese, commissioni e pause pranzo. E che magari torna a casa con te prima di essere nuovamente rimesso in condivisione in altri luoghi. È l’idea alla base del progetto GiraLibro, una biblioteca diffusa, senza confini, aperta in un un quartiere di Torino in cui, quando l’iniziativa è nata, una biblioteca tradizionale nemmeno c’era.
L’ha messo su Malvina Cagna, titolare a San Salvario della Trebisonda, una delle più interessanti librerie sabaude per mole e qualità di eventi, con la promozione dell’Associazione Commercianti San Salvario e il sostegno della Circoscrizione 8 della Città di Torino. “Quello che desideravo fare era offrire gratuitamente buone letture e buoni libri alle persone all’interno di negozi, bar, locali notturni e associazioni, coinvolgendo piccoli editori di qualità“, spiega Malvina. Continua a leggermi su Econote

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WordPress spam blocked by CleanTalk.